Inghilterra: rubato un cesso da 18 carati

Il water d’oro massiccio era esposto in mostra al Blenheim Palace nell’Oxfordshire. Analisi e significato dell’opera di Maurizio Cattelan, artista spesso al centro di scandali e indignazione.

La grande retrospettiva sull’arte dell’artista italiano ha aperto il 12 settembre e, dopo soli due giorni, è dovuta rimanere chiusa mezza giornata per il furto di una delle opere. Oltre all’enorme danno dovuto alla scultura rubata, è stato danneggiato anche l’impianto idraulico del palazzo settecentesco, conosciuto anche per essere la casa natale di Winston Churchill e patrimonio dell’Unesco. Ad ora è stato fermato un uomo di 66 anni, che sembra essere collegato alla sparizione, ma dell’opera non vi è alcuna traccia.

“America” è il titolo della scultura ironica di Maurizio Cattelan, artista famoso per i vari scandali da lui scatenati. Realizzata nel 2016, a un anno dal centenario di “Fountain” di Marcel Duchamp, rappresenta senza dubbio un tributo al maestro del Novecento, che è stato fondamentale per lo sviluppo dell’arte contemporanea.

Anno 1917: Duchamp acquista un orinatoio modello Bedfordshire, vi scrive sopra “R. Mutt 1917” e lo propone come una scultura alla prima esibizione della Society of Independent artists. Dopo un lungo dibattito sull’artisticità dell’opera, il consiglio la rifiuta e Duchamp si dimette da esso. Fontana rappresenta il più famoso ready made dell’artista francese, a cui si affiancano numerosi altri, come “Scolabottiglie”, “L.H.O.O.Q.”, “Anticipo per un braccio rotto”. L’utilizzo di oggetti già-pronti come opere d’arte ha una profonda filosofia, oltre ad essere un’azione dissacrante nei confronti dell’arte: Duchamp nega l’arte in quanto attività manuale e le fa assumere un valore esclusivamente intellettuale. L’opera ora non deve essere creata dall’artista, basta che egli la scelga e definisca tale. Inoltre effettua un’azione di decontestualizzazione e riflessione sulla funzione artistica: l’oggetto, privato del suo uso pratico e posto in un museo, acquista nuovi significati.

Anno 2016: Maurizio Cattelan realizza un gabinetto perfettamente funzionante in oro massiccio 18 carati, in tutto 103 kg del materiale prezioso. Nonostante Cattelan continui la tradizione cominciata da Duchamp, di fare l’arte “intellettuale” e provocatoria, in questo caso il suo intervento è opposto rispetto a quello dell’artista francese: all’opera viene restituita la sua funzione originaria. La scultura infatti, durante le mostre, viene collocata nella toilette, mentre i visitatori vengono invitati ad utilizzarla.

Maurizio Cattelan alla porta della toilette, in cui è installata la sua opera “America”.

Il significato dell’opera è ovviamente provocatorio e satirico nei confronti del mito americano e dei suoi eccessi. Ma la scultura stessa è un eccesso: il suo aspetto, l’idea, il significato, il prezzo.

Nel 2017 Donald Trump, insieme alla moglie Melania, chiesero al Guggenheim museum un paesaggio di Van Gogh in prestito per decorare le stanze private nella casa bianca. Allora la curatrice del museo Nancy Spector propose al presidente il WC dorato di Cattelan, declinando così la richiesta. L’artista commentò la vicenda dicendo soltanto che «è una situazione delicata», evidentemente divertito.

Ora non ci resta che aspettare le novità sul caso dell’opera rubata e sperare che non sia perduta definitivamente.

Commenta